Il vino chianti classico a Panzano in Chianti

+39 347 7705572Wednesday, 19 February 2020
IL VINO CHIANTI CLASSICO

Specialità vinicola toscana

IL VINO CHIANTI CLASSICO DI Panzano in Chianti


È un prodotto famoso in tutto il mondo che contraddistingue una terra speciale chiamata dagli anglosassoni Chiantishire: il vino Chianti Classico. Con l’inconfondibile Gallo Nero che campeggia nella fascetta sul collo delle bottiglie bordolesi, è il vino forse più conosciuto, sicuramente quello più amato e più presente nelle cantine di tutto il mondo.

Ma se ancora ci fosse qualcuno che non sa che cosa può essere il Chianti Classico, approfittiamo per spiegarlo in poche righe fornendo anche alcuni preziosi consigli sulla degustazione.

Caratteristiche

Il vino che viene prodotto sulle soleggiate colline di Panzano in Chianti è essenzialmente un sapiente blend di uve in cui spicca per un 80% Sangiovese mentre la rimanente percentuale può essere composta da uve di Canaiolo Nero, Colorino, Cabernet Sauvignon e Merlot.

Scelta della bottiglia

La carta d’identità del vino è l’etichetta: ci sono indicati il nome del produttore, il nome del vino, la denominazione, la categoria, l’annata, il grado alcolico, il volume in cl. Mentre sull’etichetta che sta sul retro di solito ci sono le uve che lo compongono (ma non è obbligatorio) consigli sul consumo e curiosità varie. Il sigillo del consorzio del Chianti Classico (il Gallo Nero) è apposto sul collare con l’annata e la dicitura D.O.C.G.

Preparativi

Dopo aver acquistato la nostra bottiglia in una delle cantine di Panzano in Chianti, ricordiamoci di aprirla ad una temperatura compresa tra i 16 e i 18 gradi (si, perchè se troppo caldo si perde il buquet, troppo freddo aumenta la sensazione di acidità) e tendenzialmente con un buon cavatappi che eviti scossoni alla bottiglia e la rottura del tappo di sughero. Apriamo la bottiglia qualche ora prima se si tratta di un vino invecchiato o una Riserva in modo da far ossigenare il vino, poi versiamolo in calici a tulipano in modo da esaltarne il buquet all’olfatto.

Vino Rosso Chianti Classico

Degustazione

Per degustare al meglio la nostra bottiglia di Chianti Classico osserveremo alcuni semplici accorgimenti, utili anche per degustare altri vini.

Assicuriamoci di avere la bocca "pulita" e cioè non aver mangiato precedentemente cose con sapori forti, dentifricio, dopo aver fumato e in un locale arieggiato e privo di odori preferibilmente con luce soffusa.

Premettendo che la degustazione del vino è un’arte che si affina col tempo e con l’allenamento, si basa sul confronto tra gusto e olfatto di e comparazioni di sapori, odori e ricordi costruiti nel tempo.

Un Chianti Classico giovane avrà un colore rubino brillante, è fruttato, profumato e rotondo, mentre invece un Chianti invecchiato o una Riserva avrà un colore rosso rubino scuro e sarà più corposo.

Abbinamenti

Gli abbinamenti ideali del vino Chianti Classico sono ovviamente tutti i piatti della tradizione Toscana delle coline del Chianti di cui abbiamo parlato nella sezione dedicata di questo sito.
Ricordiamo però che i vini giovani Chianti Classico sono abbinabili anche con Sushi e piatti etnici anche molto speziati di tradizioni culinarie asiatiche ormai entrate a far parte della nostra quotidianità.